Fortini su ASIA (dalle cronache di Napoli 8/4/2008)

Oggi c’è un’intervista rilasciata da Fortini, da un mese amministratore delegato di ASIA, al giornale Cronache di Napoli; Fortini pare non sapere (o meglio non pare curarsi) delle scadenze che la sua azienda doveva rispettare (piano industriale in primis) , ma, preoccupandosi della più generale situazione rifiuti, parla con toni da salotto, come se il tempo fosse dalla sua parte.

NAPOLI (liv.co) – “Uscire da una situazione immensamente precaria”. Daniele Fortini  è amministratore delegato di Asia da poche settimane, ma ha messo già la sua mano nel piano di rilancio e sviluppo dello smaltimento dei rifiuti napoletani. In questi ultimi due giorni ha vissuto per la prima volta personalmente una situazione di disagio, con la spazzatura che è tornata ad occupare parte delle strade cittadine. E allora il rischio di una nuova crisi va combattuto, dice lui, con il venti per cento di raccolte differenziata, in attesa di espandere le attivitò industriati.
“Purtroppo la carenza di impianti di smaltimento finale determina una serie di situazioni difficili – spiega Fortini, che è stato anche confermato come presidente di Federambiente -Basta un semplice intervento di manutenzione su un sito ed ecco incombere una piccola crisi. Viviamo una situazione ancora immensamente precaria, così dobbiamo cercare di fare pressione per conseguire il primo obiettivo, che e il venti per cento di raccolta differenziata”. Obiettivo non facilissimo, si tratta di raddoppiare la percentuale vigente. Il Comune ha comunque pianificato il servizio, e l’Asia sta mettendo a punto con l’amministrazione il piano Industriale disegnato dai suoi tecnici: “Ho parlato insistentemente anche con l’assessore regionale all’Ambiente Walter Ganapini – continua Fortini – ma anche con il Commissario vicario Franco Giannini, stiamo stilando una road map con tutte la autorità, un percorso decisivo perchè alla fine dovremo metterci in sicurezza con gli impianti di smaltimento finale, come termovalorizzatori e compostaggi. Intanto però dobbiamo rispondere alla sensibilità dei cittadini, che è notevolmente cresciuta negli ultimi tempi. C’è la volontà di differenziare, e noi dobbiamo fare la nostra parte trasformando in azioni il Piano comunale sulla raccolta. In queste ore ci stiamo confrontando con il Comune per scegliere le prime aree per il “porta a porta” e per posizionare le nuove isole ecologiche. Insomma, in breve tempo dovremo avere un nostro ciclo integrato”. L’Asia è chiamata ora ad una prova difficile, quella della definitiva industrializzazione. E con la nuova normativa regionale non è escluso che la municipalizzata possa estendersi a tutta la provincia: ‘Fa parte della cultura aziendale – chiude Fortini -purché ai costi si unisca l’efficienza. Per ora ci aiutiamo reciprocamente con il Commissariato, poi dovremo diventare il motore dell’intero smaltimento”.

Parla di tutto ma a mio avviso non parla di niente, nel senso che sono intenti che potevano essere validi in altri momenti, non dopo scadenze non rispettate (ma su questo nessuna domanda del/la gionalista), ed a ridosso della scadenza per il comune di Napoli con il governo mi sarei aspettato altro, soprattutto perchè è passato un mese dal suo insediamento ed i buoni propositi, in questa situazione di emergenza, valgono a poco.

Dott. Fortini,

dov’è il piano industriale di ASIA?

Dov’è il contratto?

Dov’è il piano esecutivo della differenziata?

Cosa sta facendo ASIA per aumentare i volumi della differenziata?

………………………………….

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e commenti su Napoli, rifiuti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...